Blog


Permalink to LA MALEDIZIONE DELLA CROCE SULLE LABBRA

LA MALEDIZIONE DELLA CROCE SULLE LABBRA

Danilo Arona ed Edoardo Rosati

LA MALEDIZIONE DELLA CROCE SULLE LABBRA

Milano. La vita della metropoli è scossa da un’impressionante sequenza di suicidi e morti violente. Qualcosa accomuna i corpi delle vittime: un inquietante herpes taglia le labbra come una croce blasfema. Due medici infettivologi cominciano a indagare, ma ciò che sembra una singolare epidemia da sorvegliare attentamente si trasforma in un incubo quando approda a Milano il dottor Alejandro Vegas, specialista in malattie infettive nella lontana isola caraibica di Guana. Vegas ha già vissuto qualcosa di simile nella sua terra d’origine ed è lì per aiutare i colleghi che a breve, increduli, comprendono come la strana infezione milanese sia in relazione con l’adorazione di Exú, un essere malvagio e perverso della religione voodoo…

Layout 1

DANILO ARONA, scrittore, giornalista e saggista, è indiscutibilmente lo “Stephen King italiano”, autore di articoli, testi divulgativi e apprezzatissimi romanzi dedicati all’insolito italico e al fantastico quotidiano.

EDOARDO ROSATI, giornalista medico-scientifico e autore di numerosi saggi sulla salute rivolti al grande pubblico, è anche scrittore di narrativa medical thriller.

Prima edizione: giugno 2018
Pagine: 254
Formato: 14 x 21
Brossura con risvolti
Prezzo: € 14,90
Isbn: 978-8897879237

 

ACQUISTALO ON LINE

 


Permalink to IL QUINTO POSTULATO

IL QUINTO POSTULATO

cover-adattata

Fabio Celi

IL QUINTO POSTULATO

Martina è una giovane psichiatra che riceve la visita di un paziente misterioso. Attraverso una serie di colloqui appare sempre più chiaro che questo paziente è venuto per cercare di boicottare un progetto di ricerca messo a punto in un istituto di fisica nucleare dove Martina lavora come consulente. Si tratta di un progetto che parte dallo studio teorico del tempo nelle particelle subatomiche, ma che potrebbe avere conseguenze applicative devastanti. Martina si troverà così a dover decidere se schierarsi dalla parte di chi vuol proseguire lungo questa strada o cercare di fermare tutto. In questa difficile situazione, avrà nel cuore il ricordo della sua storia con Andrea e a fianco Federico, che le starà molto vicino. Il romanzo, che parte da temi thriller-fantascientifici per approdare verso territori lontani da questi motivi iniziali, si svolge in sei giorni, dal lunedì al sabato, ai quali corrispondono altrettanti capitoli.

Se qualcuno mi chiederà:

“Ma hai scritto una storia d’amore?”,

risponderò: “Perché?

Esistono altre storie?”

9788869392238

 

 

FABIO CELI è primario nella ASL di Massa e docente di Psicologia clinica nelle Università di Parma e di Pisa. È specializzato in psicologia e in psicoterapia cognitivo comportamentale. Ha pubblicato molti libri e articoli di argomento psicologico e nel campo dell’educazione speciale. Questo è il suo primo romanzo.

Prima edizione: giugno 2018
Pagine: 173
Formato: 14 x 21
Brossura con risvolti
Prezzo: € 14,00
Isbn: 978-8897879220

 

ACQUISTALO ON LINE


Permalink to FIGURINE nuova edizione aggiornata

FIGURINE nuova edizione aggiornata

FIGURINE nuova edizione aggiornata

Silvano Calzini

FIGURINE

100 GRANDI SCRITTORI RACCONTATI

COME CAMPIONI DEL PALLONE

Postfazione di ANTONIO D’ORRICO

 

Quanta sapienza calcistica e quanta sapienza letteraria Calzini riversa nelle sue figurine! Tutto si confonderà con tutto. Le linee bianche che delimitano il campo e le aree di rigore si sovrapporranno alle righe nere che segnano le pagine dei romanzi. Una grande (e allegra) invenzione letteraria che si tramuta (tutto è metamorfosi nell’album) in una scoperta scientifica. La scoperta che gli scrittori e i giocatori sono una cosa sola, facce della stessa medaglia, che letteratura e football coincidono perché hanno, entrambe, un’identica funzione: servono a far sognare.

Antonio D’Orrico

Cento grandi scrittori raccontati come assi del pallone. Shakespeare come Bobby Charlton, Machiavelli come Eusebio, Dostoevskij come Maradona. Che cosa c’è di strano? In fin dei conti Hemingway, con quel suo fisicone e quella sua prosa senza tanti fronzoli, è un perfetto centravanti di sfondamento. Quando García Márquez ci racconta della magica Macondo, sembra proprio di vederlo mentre dribbla gli avversari come birilli. Per giocare in porta non c’è niente di meglio di uno scrittore che andava per farfalle come Nabokov. E il fuoriclasse Kafka, poi, è stato Rivera prima di Rivera. La ricetta è semplice. Basta scorrere la bibliografia di uno scrittore, avere letto qualche suo libro, conoscerne un po’ la vita e la psicologia, andare a scovare qualche tic o mania, mettere insieme il tutto, agitare bene ed ecco che viene fuori il ritratto di una splendida mezzala dai piedi buoni o di un roccioso difensore tutto grinta e ardore agonistico. Una galleria calcistico-letteraria per chi crede che la letteratura, quella vera, e il calcio, quello vero, aiutano a vivere.

 

steso_figurine_2-corretto

 

SILVANO CALZINI (1956) è nato e vive a Milano dove conduce una vita da mediano dell’editoria. Ha una naturale predisposizione per cose del tutto inutili come scrivere romanzi in 10 parole e rivedere per l’ennesima volta vecchi film di Totò. Ama i grandi scrittori e i grandi giocatori di calcio, confondendo spesso gli uni con gli altri.

Pagine: 188
Formato: 14 x 21
Brossura con risvolti
Prezzo: € 16,00
Isbn: 978-88-97879-19-0

ACQUISTALO ONLINE


Permalink to IO NE HO VISTE COSE… nuova edizione aggiornata

IO NE HO VISTE COSE… nuova edizione aggiornata

IO NE HO VISTE COSE... nuova edizione aggiornata

Daniele Soffiati

IO NE HO VISTE COSE…

DIZIONARIO DELLE CITAZIONI CINEMATOGRAFICHE

NUOVA EDIZIONE AGGIORNATA

Di libri dedicati alle battute più famose della Settima Arte ne sono stati pubblicati a bizzeffe. Per la prima volta si potrà però sfogliare un vero e proprio Dizionario delle citazioni cinematografiche. Una raccolta enciclopedica completa, suddivisa in centinaia di voci dalla A alla Z, per soddisfare ogni tipo di curiosità legata ai propri film del cuore, dai grandi classici del passato agli ultimi straordinari successi della stagione in corso: capolavori, b-movies, commedie, drammi, action-movies, pellicole d’essai. Il critico cinematografico Daniele Soffiati ha creato uno strumento indispensabile ed efficace per tutti gli appassionati di cinema e per chiunque voglia divertirsi a ritrovare e scoprire le frasi celebri o i dialoghi più belli pronunciati sul Grande Schermo.

La scrittura del cinema, dovendo vivere nuda, di luce propria, deve possedere alta qualità. I titoli più visitati da questo “dizionario” appartengono a gente che la scrittura la conosce: Woody Allen, Philip K. Dick, Stephenie Meyer; ma anche a sceneggiatori con una qualità da romanzieri come Suso Checchi D’Amico e Age&Scarpelli. È un assunto, ed è una verità, che la scrittura prevalga sul cinema – il dato è impietoso: non esistono libri tratti da film ma solo film tratti da libri – e in questo testo si accredita una parte di scrittura nobile, che sa difendersi da sola. Poi c’è la massa maggiore dell’iceberg sotto la punta. Migliaia di citazioni “da cinema”, senza nobiltà ma certo divertenti, e divertire è la prima opzione del cinema.

Pino Farinotti

io-ne-ho-viste-cose-2_steso

 

DANIELE SOFFIATI è nato a Mantova nel 1974. Già critico cinematografico di Radio 105, scrive ora sulle pagine de La nuova cronaca di Mantova ed è uno degli autori storici dell’Agenda Comix. Ha scritto diversi libri dedicati al cinema e alla Tv, tra i quali Lupu ululà e castello ululì. Le migliori battute del cinema (Comix 2004 e Mondadori 2006) e Che cavolo stai dicendo, Willis?! Da Arnold al Dr. House, le migliori battute dei telefilm (Mondadori 2008).

 
Prima edizione: febbraio 2017
Pagine: 336
Formato: 13,5 x 21
Brossura con risvolti
Prezzo: € 19,00
Isbn: 978-88-97879-20-6

 

ACQUISTALO ON LINE

 

 


Permalink to OLTRE

OLTRE

OLTRE

ACQUISTA ONLINE

OLTRE

di Dario Lessa

romanzo

 La vita è un contratto a tempo determinato

che potrebbe scadere in ogni momento.

Per questo tanti hanno bisogno di certezze.

Per lo stesso motivo, altri non ne hanno bisogno.

 

cover-oltre_def_ok

 

Alex Gordon, di padre scozzese, viene assunto con la mansione di archivista presso la Biblioteca della Graticola. A un patto: non può, per contratto, consultare nessuno dei volumi custoditi, in particolar modo uno, protetto da una teca di spesso vetro. Ma che diavolo di biblioteca è mai questa, frequentata al massimo da una persona al mese? Perché i suoi colleghi sono così schivi? Quali segreti custodiscono questi volumi? Così Alex, reduce dall’ennesima morte e lanciato verso una rinascita di luce, tra un capitolo finito e uno meraviglioso che sta cominciando, si divincola tra esseri incantati e malvagie presenze, in un proscenio surreale dove niente è come appare. Una chiamata del destino cui Alex sarà costretto a rispondere. I flussi di coscienza del nostro protagonista si fondono nel vissuto passato e presente dando origine a una narrazione assolutamente fuori dal comune.

Dario Lessa nasce e vive a Monza, insegnante di storia, letteratura e scrittura creativa, conduce una trasmissione tv e organizza festival letterari, tra cui il Brianza Book Festival. Ha pubblicato Confessioni (Leucotea 2012), Diciassette attimi di eterno (Project 2014).

Prima edizione: maggio 2016
Pagine: 144
Prezzo: € 14.00
Isbn: 978-88-97879-18-3

 

ACQUISTA ONLINE


Permalink to CONOSCEVO UN ANGELO

CONOSCEVO UN ANGELO

CONOSCEVO UN ANGELO

ACQUISTA ONLINE

CONOSCEVO UN ANGELO

di Guido Mattioni

romanzo

 

Il vecchio se ne stava là, fermo sul marciapiede della Main Street di Woodstock. Aveva un’espressione così felice da sembrare in compagnia del mondo. Non so se fu per via della scopa alla quale si appoggiava o per lo strano berretto che indossava, ma come angelo mi apparve subito un po’ bizzarro. Condizione che peraltro, con il tempo, avrei imparato a considerare ricorrente in chi si ostina a frequentare le strade e i cieli del Vermont. Il fatto è che in quei villaggi dai campanili aguzzi che sembrano saltare fuori dai boschi, proprio come le illustrazioni pieghevoli di certi libri di favole, la bizzarria diventa una dolce malattia che prima o poi finisce per contagiare tutti. Perfino gli angeli.

 

Fermatevi e datele ascolto. La strada inizierà a raccontarvi le storie della “sua” gente: imprevedibili e bizzarre, piene di curve e scritte sotto dettatura del caso. Come quella di Howard Johnson, figlio di piazzisti che girano l’America su una casa mobile. Lui che sulla strada è stato concepito ed è cresciuto, ha studiato e giocato, ha amato ed è invecchiato, di storie così ne conosce mille. Narrano di creature senza radici per scelta, per necessità o per amore della libertà: come Johnatan, l’angelo che spazza le vie di Woodstock lasciando dietro di sé profumo di sciroppo d’acero; oppure Abe, pescatore di granchi che conserva i ricordi in una scatola di biscotti; o ancora Candice e Marilou, estetiste lesbiche itineranti su una roulotte rosa. Ci sono anche Margie, cameriera dagli occhi bellissimi, ma velati da un segreto duro da rivelare; il carpentiere Joshua e il suo basset hound Generale Lee; o Jack e Pat, stagionati cantanti costretti ad andare in scena ogni sera con le giacche cariche di lustrini e un dramma in fondo al cuore. E altre storie ancora. Storie che Howard ama raccontare. Ascoltatelo.

Cover Mattioni Angelo

Guido Mattioni è udinese per nascita (1952), milanese d’adozione e cittadino onorario di Savannah, la località Usa dove ha ambientato Ascoltavo le maree (Ink Edizioni, 2013), romanzo d’esordio (quattro ristampe) adottato dalla Georgia State University come testo nei corsi di Italiano. La versione inglese – Whispering Tides – ha vinto la sezione Multicultural Fiction ai Global Awards 2013 di Santa Barbara, California. Da giornalista (iniziò con Indro Montanelli) è stato inviato speciale in tutto il mondo, in particolare negli States, dove ha ambientato anche Soltanto il cielo non ha confini (Ink Edizioni, 2014), intreccio di sogni e drammi lungo il confine Usa-Messico. Conoscevo un angelo è la sua terza storia made in Usa, dedicata ai milioni di americani in perenne movimento da uno Stato all’altro. Guido è sposato con Maria Rosa, oncologa.

Dicono di lui …

 

“Mattioni è un americano che scrive in italiano,

è un Hemingway che ha letto McCarthy,

è un domatore di parole con leggerezza.

Scrive come pochi sanno scrivere.”

Roberto Cotroneo

ACQUISTA ON LINE

Prima edizione: 25 giugno 2015

Pagine: 176

Formato: 14 x 21

Brossura con risvolti

Prezzo: € 14,00

Isbn: 978-88-97879-16-9

 

 

 


Permalink to FIGURINE

FIGURINE

FIGURINE

ACQUISTALO ONLINE

Silvano Calzini FIGURINE

I GRANDI SCRITTORI RACCONTATI COME CAMPIONI DEL PALLONE

Postfazione di ANTONIO D’ORRICO

 

Quanta sapienza calcistica e quanta sapienza letteraria Calzini riversa nelle sue figurine! Tutto si confonderà con tutto. Le linee bianche che delimitano il campo e le aree di rigore si sovrapporranno alle righe nere che segnano le pagine dei romanzi. Una grande (e allegra) invenzione letteraria che si tramuta (tutto è metamorfosi nell’album) in una scoperta scientifica. La scoperta che gli scrittori e i giocatori sono una cosa sola, facce della stessa medaglia, che letteratura e football coincidono perché hanno, entrambe, un’identica funzione: servono a far sognare.

Antonio D’Orrico

Cinquanta grandi scrittori raccontati come assi del pallone. Che cosa c’è di strano? In fin dei conti Hemingway con quel suo fisicone e quella sua prosa senza tanti fronzoli è un perfetto centravanti di sfondamento. Quando García Márquez ci racconta della magica Macondo sembra proprio di vederlo mentre dribbla gli avversari come birilli. Per giocare in porta non c’è niente di meglio di uno scrittore che andava per farfalle come Nabokov. E il fuoriclasse Kafka poi è stato Rivera prima di Rivera. La ricetta è semplice. Basta scorrere la bibliografia di uno scrittore, avere letto qualche suo libro, conoscerne un po’ la vita e la psicologia, andare a scovare qualche tic o mania, mettere insieme il tutto, agitare bene ed ecco che viene fuori il ritratto di una splendida mezzala dai piedi buoni o di un roccioso difensore tutto grinta e ardore agonistico. Una galleria calcistico-letteraria per chi crede che la letteratura, quella vera, e il calcio, quello vero, aiutano a vivere.

 

Cop_Figurine

Portieri
Camus Nabokov

Difensori
Bassani  Beckett  Freud  Fruttero & Lucentini  Gadda  Sciascia

Centrocampisti
Buzzati  Calvino  Conan Doyle  D’Annunzio  Gozzano  Kafka
Longanesi  Malaparte  Mann  Márai Montale  Pavese
Scerbanenco  Svevo  Tomasi di Lampedusa

Attaccanti
Bianciardi Casanova Faletti Flaiano Gary Hemingway
Marinetti Mastronardi Moravia Pasolini J.Roth Sartre
Simenon Stevenson

Fantasisti
Arbasino García Márquez Hrabal Manganelli Pirandello
Wilde Wodehouse

Senza ruolo
Borges Céline Cioran Joyce Pessoa Walser

 

Silvano Calzini (1956) è nato e vive a Milano dove conduce una vita da mediano dell’editoria. Ha una naturale predisposizione per cose del tutto inutili come scrivere romanzi in 10 parole e rivedere per l’ennesima volta vecchi film di Totò. Ama i grandi scrittori e i grandi giocatori di calcio, confondendo spesso gli uni con gli altri.

 

 

Pagine: 152

Formato: 13,5 x 21

Brossura con risvolti

Prezzo: € 12,00

Isbn: 978-88-97879-15-2

 

 

ACQUISTALO ONLINE


Permalink to I 100 FILM DELLA NOSTRA VITA

I 100 FILM DELLA NOSTRA VITA

I 100 FILM DELLA NOSTRA VITA

Pino e Rossella FARINOTTI

I 100 FILM DELLA NOSTRA VITA

 

Ci sono film ai quali dobbiamo parte della nostra formazione, spesso la migliore. Non c’è dubbio che questi “cento” abbiano toccato la vita di tutti noi. Per i sentimenti, i ricordi, gli esempi, i momenti intensi che ci hanno trasmesso. Amici fidati e presenti ai quali possiamo sempre ricorrere.

Le classifiche dei grandi film sono una costante e sono sempre state redatte secondo le epoche, l’estetica, il sociale, lo spettacolo, la comunicazione, la politica. Per anni ha prevalso il Potemkin, poi Quarto potere. Nel contemporaneo, una classifica che farebbe testo ha posto al vertice Vertigo, di Hitchcock, un film “vero”, amato anche dal pubblico, non solo dalla critica.

Pino Farinotti, nel 1994 ha redatto una sua lista personale dove figurano tutti i grandi “monumenti” del cinema: ma anche titoli “dalla parte del pubblico”, che è l’indicazione che definisce anche il dizionario Farinotti. Un esempio: Colazione da Tiffany non appare mai nelle classifiche, eppure è un film che offre codici perfetti, è un “legislatore”: grande romanziere alla base, grandi regista e musicista, una canzone che ha fatto la storia, un modello assoluto del cinema e dell’estetica del Novecento impersonato da Audrey Hepburn. E poi il marketing: Colazione da Tiffany ha nobilitato il marchio Tiffany che dopo il film ha invaso il mondo.

A vent’anni dal primo volume, nei nuovi “centofilm” si inserisce anche Rossella Farinotti. Dunque, generazioni a confronto. Molti titoli sono cambiati. La giovane, per fare un esempio, ha imposto Il grande Lebowski (condiviso), Bastardi senza gloria (non condiviso) e molti altri titoli.

 

 

cover100

 

 

Pino Farinotti è critico, docente e scrittore. Collaboratore delle maggiori testate nazionali della carta e della televisione. È titolare del dizionario il Farinotti, il primo e più completo nel panorama, con la figlia Rossella. Ha firmato libri di saggistica fondamentali e coperto ruoli nei “Beni culturali”. Tiene corsi di cinemaletteratura in vari atenei. Ha scritto bestseller tradotti nel mondo che hanno ottenuto premi importanti (Bancarella – Librai pontremolesi, San Vidal,Maria Cristina fra gli altri). Il Presidente della Repubblica Carlo Azeglio Ciampi, nel 2003, lo ha nominato “Benemerito della cultura”, uno dei più alti riconoscimenti della nazione. La motivazione: “Per la sua attività di enciclopedista, docente, saggista e narratore, in vari campi della comunicazione e della cultura. Con una qualità e un impegno che onorano il Paese.”

Rossella Farinotti è laureata in Scienze dei Beni culturali indirizzo Cinema presso l’Università degli Studi di Milano e diplomata in Organizzazione e Comunicazione per l’arte contemporanea all’Accademia di Brera. Dal 2007 lavora nell’ambito dell’arte contemporanea. Dal 2010 al 2012 è stata assistente dell’assessore alla Cultura di Milano. Oggi è critica e curatrice indipendente. Da 6 edizioni è co-autrice del dizionario il Farinotti (Newton Compton). Collabora al sito Mymovies e al magazine Arte. Autrice del saggio Il quadro che visse due volte (Morellini editore), sul rapporto arte/cinema. Nel 2012 ha aperto un blog dal nome Labrouge, che ha dato il via a uno spazio indipendente per mostre e performance di giovani artisti.

ACQUISTALO ON LINE

Pagine: 128

Formato: 13,5 x 21

Brossura con risvolti

Prezzo: € 14,00

Isbn: 978-88-97879-13-8


Permalink to SOLTANTO IL CIELO NON HA CONFINI

SOLTANTO IL CIELO NON HA CONFINI

SOLTANTO IL CIELO NON HA CONFINI

Guido Mattioni

Soltanto il cielo non ha confini

romanzo

 

Erano soltanto i giovani, orfani di rassicuranti memorie, a lasciare Surco-en-el-suelo inseguendo i propri miraggi. Lo facevano da anni, abbagliati dalle lusinghe di quel mondo tanto diverso dal loro e che luccicava sull’altra sponda del Río Grande. Là, oltre la frontera; oltre quell’odiosa riga tracciata dall’uomo in terra, ma priva di qualsiasi corrispettivo in cielo.

È un fiume poco profondo, ma dal nome presuntuoso – Río Grande – a tracciare per 1.400 chilometri la frontiera tra Messico e Stati Uniti, tra quello che è ancora Terzo Mondo e le prime luci della Grande Giostra a stelle e strisce, tra miseria certa e ricchezza possibile, tra Male conosciuto e Bene quantomeno sperato, tra “essere” e “poter diventare”. Nel punto in cui El Paso e la città messicana Ciudad Juárez si guardano, il Río è diventato la più frequentata porta di servizio degli States, quella da dove masse di disperati cercano di conquistare, con l’acqua alla cintola, il proprio pezzo di American Dream. Li chiamano wetbacks, le schiene bagnate. Tra loro, in tempi diversi e l’uno all’insaputa dell’altro, ci sono anche Hernando e Diego, gemelli ma diversissimi: un Abele per vocazione e un Caino per necessità. La loro sconcertante somiglianza dà vita a una vicenda scandita dagli equivoci e popolata da immigrati e poliziotti, trafficanti senza scrupoli e giornalisti curiosi, santoni sanguinari e miti coltivatori di fagioli, donne dal cuore grande e uomini dal fegato a pezzi. Una narrazione ritmata, tesa e ironica, dove violenza e amore, avidità e altruismo, tragedia e farsa si intrecciano fino all’ultima pagina, con una conclusione imprevista.

mattioni_soltanto_cielo_hr

Guido Mattioni è nato a Udine nel 1952, vive a Milano dal 1978 e dal 1998 è cittadino onorario di Savannah, in Georgia, la località americana dove ha ambientato Ascoltavo le maree (Ink), suo romanzo d’esordio nel 2013, giunto alla quarta ristampa e adottato come testo di lettura nei corsi di Italiano della Georgia State University di Atlanta. Da giornalista, ha ricoperto quasi tutti i ruoli: cronista e caporedattore, vicedirettore e inviato speciale autore di inchieste e reportage in tutto il mondo. Questo romanzo nasce appunto da una sua esperienza di inviato lungo il confine “caldo” tra Usa e Messico. Guido è sposato con Maria Rosa, medico oncologo e di conseguenza, dice lui, “persona molto più socialmente utile di me, oltre che indiscutibilmente più bella”. Non ha figli. Se potesse rinascere, vorrebbe farlo nei panni di uno chef.

ACQUISTALO ON LINE

Prima edizione: 30 aprile 2014

Pagine: 200

Formato: 14 x 21

Brossura con risvolti

Prezzo: € 14,00

Isbn: 978-88-97879-12-1


Permalink to L’HO VISTO CON LE MIE MANI

L’HO VISTO CON LE MIE MANI

L'HO VISTO CON LE MIE MANI

Marco Pennati

L’HO VISTO CON LE MIE MANI

Una storia straordinaria, che parla all’anima oltrepassando qualsiasi barriera.

Anche quella del buio.

Federico è un bambino pieno di vita e di risorse, nonostante un’infanzia trascorsa nel più totale degrado, fatta di umiliazioni, violenze e nessuna considerazione umana. A soli dodici anni decide coraggiosamente di abbandonare la sua casa-prigione, i suoi genitori biologici, di scappare da quelle persone “che avevano sequestrato i suoi sogni e li avevano gettati in pasto ai porci”. Lascia la sua città e prende un treno diretto in Toscana, nella splendida Val d’Orcia, alla ricerca di uno zio mai conosciuto che possa prendersi cura di lui. Ha così inizio la sua avventura, piena di incontri e di affetti veri, di solitudini e dolori silenziosi, ma anche di duro lavoro e di soddisfazioni. Conosce la Famiglia in persone e posti inaspettati, l’amore incondizionato, il dono della Natura. Mette in gioco ogni lato di se stesso, unendo il timore al coraggio senza mai arrendersi. Scopre un mondo, una dimensione parallela completamente sconosciuta prima. Capisce “che non poter vedere può essere un dono, come imparare a parlare o a camminare in età adulta”. E impara a parlare, ad ascoltare, a vedere con le sue mani.

COPennati

Marco Pennati (Gorgonzola, 1974), di professione bancario e appassionato di fotografia artistica, sposato con due figli, è alla sua prima prova letteraria.

 

Guarda il book trailer creato dall’autore

 

 

 

Prima edizione: gennaio 2014

Pagine: 144

Formato: 14 x 21

Brossura con risvolti

Prezzo: € 12,90

Isbn: 978-88-97879-11-4

Acquista L’ho visto con le mie mani

Pagina 1 di 212